Buongiorno dal Dermatologo Agostino Crupi, i nevi cutanei che controlliamo maggiormente sono i nevi melanocitari. Ovvero quelli costituiti da un aumento dei melanociti, cellule della cute deputate a produrre la melanina come conseguenza alla esposizione della cute stessa alla luce solare.

I nevi cutanei sono “anomalie” da considerare tumori benigni che nascono, crescono e vanno incontro ad un processo di evoluzione o involuzione. Questo processo è influenzato da due fattori:

  • il primo costituzionale e personale, legato espressamente alla genetica insita in ognuno di noi;
  • il secondo fortemente condizionato dal fattore ambientale e quindi dalla esposizione ai raggi solari.

In generale possiamo distinguere i nevi in due categorie:

  • i nevi congeniti, che compaiono alla nascita o nel corso dei primi mesi di vita di ogni paziente;
  • i nevi acquisti, che compaiono nel corso della vita fino ai 50/55 anni e raramente possono comparire dopo la sesta decade di vita.

Quest’ultima categoria di nevi è condizionata dalla esposizione della cute ai raggi solari specialmente nelle prime decadi di vita, la cosiddetta “nevogenesi fotodinamicamente indotta”.

Dermatologo Crupi Agostino

Controllare e monitorare i nevi melanocitari è molto importante perché consente di prevenire il melanoma cutaneo, il tumore della pelle a maggior malignità.

Se hai trovato l’articolo utile condividilo con i tuoi amici, potrebbero avere bisogno di queste nozioni. Scopri cos’è la Mappa dei Nei, rimani aggiornato sul mio blog Il Dermatologo, e seguimi su Facebook e Instagram.

Grazie e al prossimo articolo,

Dott. Agostino Crupi

Leave a reply